Pubblicato da: jjlukich | mercoledì, 16 gennaio, 2008

Ad ognuno il suo

Sentire preti, vescovi, cardinali e tutti i media di area cattolica parlare di laicità mi farebbe sorridere se non temessi che questo sorriso si trasformasse “in una paresi permanente”(op. cit.) 😉

Già si parla del diavolo, e delle messe e raduni di preghiera e dell’angelus tutti tesi ad esorcizzare quanto il maligno ha messo in atto all’università (leggete questa frase con il tono della nonna che racconta l’entrata in scena del lupo cattivo).
MA SE BASTAVA COSì POCO PER FARVI USCIRE DAI GANGHERI LO POTEVATE DIRE PRIMA!!! Ci saremmo evitati 200 anni e più di battaglie filosofiche e sbattimenti di testa sulla religione, la ragione, la scienza, l’inizio e la fine dell’universo.

Hello?!? c’è nessuno??! Mc Fly?!?! L’ho detto e lo ripeto, ma se la proposta fosse stata a parti invertite? Scusi santità posso venire in s. pietro durante la messa di natale o in un’altra importante ricorrenza cattolica a spiegare le mie ragioni per sostenere che la religione viene dopo la ragione e che potete raccontare tutto quello che volete ma il concetto che il peccato è reato non troverà mai posto nella legislazione di questo stato laico?
Oh sia chiaro! Vengo solo e disarmato, vengo in pace, mi porto solo dietro quella cosa che mi aiuta a tenere separate le orecchie, qualcuno lo chiama cervello e qualche volta se è funzionante produce delle magnifiche cose.

Annunci

Responses

  1. Se ti avessero invitato (inverti per bene!) e fosse successo che per l’uno per mille dei credenti la cosa fosse risultata inopportuna avresti potuto rifiutarti di andare e riempire tutto il blog gridando a gran voce delle libertà negate, però parliamoci chiaro: comunque Vespa non mi avrebbe invitato nelle vesti di “tuo” filosofo nè polanski sarebbe stato invitato nella veste di rettore della “tua” università, quindi dove sarebbe stato il vantaggio per noi? 😀

  2. … dimenticavo: siccome “raglio d’asino non sale in cielo” (il commento di Ferrara alla richiesta del filosofo di pubblicare insieme al discorso di Benedetto anche la lettera dei 60 de la sapienza) allora possiamo anche chiudere la bocca all’asino e attaccargli un cartello con su scritto “era un censore da terzo mondo”. Alla faccia della libertà di espressione e di pensiero.

  3. Sarà che il cervello è rimasto ancora nel letto a dormire, ma non ho capito molto i commenti.
    Certo “non sono stato invitato”, ma questo mette in luce un altra pratica che ieri Luca Giurato nel suo servilismo ha detto ad Uno Mattina: “il papa può andare dove vuole quando vuole” invece alla voce laica meno spazio si da meglio è.

  4. Mi sembra che qui si parli di libertà assoluta negata e l’uguaglianza, la vera uguaglianza predicata 2008 anni fa, dall’unica vera persona storica che raccjiuse in se stessa tutto quello che si dice oggi manchi agli uomini…ma la legge non è uguale per tutti…e la libertà assoluta non esiste.

  5. Sono contento che hai finalmente inserito un commento!! 😉 Anche se devo ammettere, complice le 2 ore di palestra, non sono riuscito ad afferrarlo nella sua interezza. Potresti estendere il concetto?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: