Pubblicato da: jjlukich | domenica, 17 agosto, 2008

Filosofia da CdS

Sarà perché fin da piccolo sono sempre stato un bravo bambino, che non sono abituato ad essere ripreso quando commetto un errore: che sia la dimenticanza per non aver comprato il latte, il non aver approfondito un argomento di esame o l’aver parcheggiato sulle strisce, vivo la reprimenda sempre con poca tranquillità.
Sarà forse per questo che i cosiddetti “bambini vivaci” li trovo sempre più a loro agio nel vivere la vita adulta? L’abitudine al rimprovero glielo ha fatto considerare nei giusti termini in cui esso va confinato e non come un “attacco personale” o una “ingiustizia divina”.
Da qui, quindi, la prima lezione per il futuro genitore: alleva un discolo e rimproveralo fino a fargli considerare tale fatto come un normale accadimento della vita: “tutti commettono errori!”

Ed arrivo al motivo del post (che rientra nel mio personale modo di autopsicanalisi, superamento della crisi, confinando l’accadimento nei suoi giusti termini). Ieri sera a cena con amici ad Ostia, posto da me frequentato solo nel periodo dell’esame di urbanistica e poi ma + rivisto, ho parcheggiato sulle strisce pedonali.
Non è mia abitudine infrangere il Codice della Strada, anzi le violazioni allo stesso rappresentano un eccezione ogni volta vagliata con cura, ma questo chi glielo racconta al sanzionatore e poi, a questo, nemmeno interessa.
Sono infatti approdato alla convinzione che il CdS, al pari di altri regolamenti, leggi, ecc. è lì unicamente per salvaguardare l’incolumità reciproca dei cittadini, per cui va si rispettato, ma anche seguito cum grano salis ovvero pensando per esempio che è si vero che non bisogna superare la striscia continua, ma se serve per evitare un incidente, FALLO! Sono convinto che sia meglio che stare poi lì a raccogliere i cocci ripetendo di avere ragione. Certo questo ha le sue controindicazioni: se per evitare un incidente commetti un infrazione e facendola causi un altro incidente, allora passi dalla parte del torto, per cui a quel punto vai pure diritto per la tua strada e quel che succede, succeda.
Non ho controllato ma credo che all’interno del CdS ci sia scritto, da qualche parte, che il principio ispiratore di chi guida sia quello di mettere in pratica tutti i comportamenti che riducano o annullino il rischio incidente.
Ritornando all’episodio in sé, ecco cosa mi ha convinto a commettere l’infrazione: era sabato sera, il traffico impazzito sul lungomare, macchine parcheggiate in seconda fila ed al centro della piazza del pontile di Ostia, a 30 m dalla volante dei VV.UU. dopo aver inutilmente cercato un posto nelle traverse laterali, per evitare di perdermi nel reticolo di sensi unici, vedo un spazio comodo da parcheggiare su una strada laterale che costeggia la “colonia marina”. E’ vero ci sono le strisce, ma non vedo né lo scivolo per disabili, né mi paiono molto frequentate, per cui penso che piuttosto che continuare ad avventurarmi per strade che poco ricordo o intasare in doppia fila o davanti ai bidoni della spazzatura posso fermarmi qui, visto il casino che c’è in giro non se ne avranno a male se mi fermo qualche ora.
La cosa è andata bene fino verso le 00,20 quando un paio di vigili, i cui nomi mi sono indecifrabili dal verbale, evidentemente decidono che è il momento di dire basta con le infrazioni e mi appioppano la multa da 74€ art. 158.
Se avete la pazienza di andarvelo a leggere scoprirete delle cose interessanti che vi possono aiutare a ridurre la sanzione, infatti nei seguenti casi la sanzione è di € 36:

a) allo sbocco dei passi carrabili;
b) dovunque venga impedito di accedere ad un altro veicolo regolarmente in sosta, oppure lo spostamento di veicoli in sosta (1);
c) in seconda fila, salvo che si tratti di veicoli a due ruote, due ciclomotori a due ruote o due motocicli (1);
e) sulle aree destinate al mercato e ai veicoli per il carico e lo scarico di cose, nelle ore stabilite;
f) sulle banchine, salvo diversa segnalazione;
i) nelle aree pedonali urbane;
l) nelle zone a traffico limitato per i veicoli non autorizzati;
m) negli spazi asserviti ad impianti o attrezzature destinate a servizi di emergenza o di igiene pubblica indicati dalla apposita segnaletica;
n) davanti ai cassonetti dei rifiuti urbani o contenitori analoghi;
o) limitatamente alle ore di esercizio, in corrispondenza dei distributori di carburante ubicati sulla sede stradale ed in loro prossimità sino a 5 m prima e dopo le installazioni destinate all’erogazione.

Da notare che dove c’è (1) vi possono rimuovere la macchina, e li si entra in un altro ginepraio.

Alla fine che cosa ho appreso? Se devi lasciare la macchina e proprio non trovi posto, nemmeno lontanissimo dal luogo dove devi andare (da notare tra l’altro che il ristorante in cui abbiamo desinato era pure distante dal posto in cui ho preso la multa, quindi neanche a pensare “te pesava il culo!”), mettila lì dove sei, in questo modo se i tutori dell’ordine fossero presi dal fuoco sacro della giustizia puoi spostare la macchina prima che “la spada del giusto si abbatta su di te” 😉
In alternativa mettila in violazione dove tanti altri già son, in modo tale che, se un attacco di incontinenza multoria si dovesse presentare, si crei una gran confusione di cui puoi approfittare per spostare il mezzo.

Come ultima cosa vorrei approfondire la classica risposta che l’automobilista pescato a commettere infrazione si dà, la stessa autoassoluzione craxiana di chiamata in correità. Bé mi è difficile, per quanto il pensiero mi ripugni, non vederla allo stesso modo: se è possibile un mondo senza tangenti, confido che lo sia anche uno senza parcheggi in doppia fila o sulle strisce, violazione del limite di velocità, ecc, ecc.
Sarà una leggenda, ma negli stati uniti pare ci sia un poliziotto nascosto dietro ogni cartellone stradale o cactus del deserto, pronto a correrti dietro se appena superi di poche miglia il limite, ed appena provi a pensare di fermarti dove non si può ti ritrovi circondato dai marines in assetto antiterroristico.
CONSTATARE, DA DOMANI, CHE NON CI SONO PIU’ MACCHINE PARCHEGGIATE SULLE STRISCE MI ALLEVIEREBBE NON POCO L’AMMENDA ed incomincerei a ricredermi sul fatto che la multa sia solo un modo per fare cassa e non abbia nulla a che fare con la giustizia, la legalità ed il comportamento civico.

Annunci

Responses

  1. concordo in pieno: più che il CdS dovrebbe entrare in vigore il buon senso.. il problema è che non tutti ce l’hanno. Il CdS ha più che altro lo scopo di creare un regolamento uniforme sul come comportarsi a prescindere dai casi specifici. Per esempio io parcheggio *sempre* davanti ai cassonetti sotto casa, perchè il posto è sempre libero 😉 e perchè quelli della nettezza urbana sono abbastanza regolari con gli orari, così scendo a spostare la macchina quando loro arrivano per poi rimetterla al suo posto. Ovviamente non faccio male a nessuno e non mi sento nel torto, ma una situazione così particolare non è inseribile del CdS, così si mette un bel divieto, valido per ogni cassonetto d’Italia, e si fa prima. Se dovessi essere multato un giorno mi sentirei come un “falso positivo”.

  2. Avrei voluto scrivere un post a parte, ma intanto lo anticipo qui.
    Alcuni giorni fa ho visto gli ausiliari dell’atac (non sò se é stato coniato un termine apposta per distinguerli da quelli in giallo del comune) che sistematicamente con la macchina di servizio si facevano tutto il percorso dell’autobus, fermata per fermata, scendevano e facevano le multe a quelli dentro la striscia continua (tra l’altro praticamente invisibile) e non sò se anche a quelli sopra la striscia a zig zag, che dovrebbe servire al bus per entrare ed uscire dalla fermata.
    Ora se i bus entrassero a fare fermata fino ad accostarsi al marciapiede e poi si reimmettessero nel flusso veicolare, non avrei nulla da ridire, ma non mi pare proprio che ciò avvenga, ed allora anche questo che cos’è se non la solita “vendemmia”!?!? :-/


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: